Archive | February, 2014

One Billion Rising: hai danzato con noi?

18 Feb

Ricordi il nostro invito a danzare?

Eravamo tantissimi e forse c’eri anche tu! C’eri?

Ti racconto in breve come si è svolta la giornata …solo per fartela rivivere!!

Seminario : I giovani contro la violenza. Percorsi e pratiche di contrasto nella città di Vasto”

E’ stato un momento di raccordo, un momento di racconto e condivisione.  Il centro DonnAttiva quest’anno ha avviato attività di sensibilizzazione al contrasto della violenza nell’ambito del progetto “Oltre l’uscio” L.31/2006. I protagonisti di queste attività sono i ragazzi di alcune classi degli Istituti Superiori di Vasto ” Mattei”, “Palizzi”, “Pantini – Pudente” e “Mattioli”.

Gli studenti hanno avuto la parola, hanno detto la loro ed hanno finalmente potuto mostrare quanto di bello hanno creato: 4 video che interpretano quello che è amore e quel che amore non è! Inoltre la classe del corso “Arti Visive” ha esposto degli scatti legati al tema violenza di genere / femminicidio.

Flash Mob “One Billion Rising”

E’ la combinazione di diversi fattori che rende una qualsiasi cosa perfetta, come te l’eri immaginata, rende il pensiero visibile a tutti, trasla ciò che avevi immaginato nella tua testa, direttamente davanti ai tuoi occhi.

Così, proprio come avevamo sperato, Piazza Diomede si è pian piano popolata, di volti, di colori di voci…la musica si è alzata e la danza ha preso forma. Per la serie “Un’immagine vale di più di mille parole”…ecco il video del nostro flash mob.

V DAY from Photorama on Vimeo.

Donne Violate: lo sguardo dell’arte

La storica dell’arte Bianca Campli, ha ripercorso il tema della violenza di genere attraverso un’indagine iconografica

Lo sguardo dei Giovani

La cattedrale di San Giuseppe è diventata per una sera, schermo per la proiezione dei corti realizzati dagli studenti. Dialoghi, musiche, volti e pensieri di adolescenti che hanno elaborato i termini della violenza di genere, della violenza domestica ed hanno impresso ben chiaro nelle loro menti cosa è amore e cosa non lo è.

La nostra cornice? Vasto, il centro storico e le sue vetrine: ovunque scarpe rosse, le stesse che l’anno scorso avevano segnato il percorso da Piazza Rossetti a Via Anelli, la nostra sede…7

Ora sai dove siamo, sai come trovarci e come coinvolgerci: sai che cosa sappiamo fare e come amiamo farlo! Le nostre iniziative continueranno, il nostro percorso di sensibilizzazione passerà attraverso arte, reading, eventi all’aperto e molto altro… Intanto facci sapere se il nostro One Billion Rising è stato come quello che avresti voluto anche tu!

Credits:

photos Photorama

content: Francesca Tammarazio

Advertisements

10 motivi per partecipare al One Billion Rising

12 Feb

Riflessioni, liste e …buoni motivi!

one billion rising VASTOQuesta mattina mi son messa nei panni di chi riceve un invito al One Billion Rising…e mi son chiesta: “Perché una persona dovrebbe accettare, raggiungerci in piazza?” Ho messo giù qualche buona ragione, qualche motivo che, a mio parere, ti farà indossare il tuo giacchino (rosso!) e ti farà venire  in Piazza Diomede il 14 febbraio alle 11.30 per guardare, partecipare silenziosamente e non, anche soltanto con la tua presenza, vi farà dire “Io c’ero!”. Ecco qui la mia bullet list per il TUO One Billion Rising:

1. Perché a Vasto nel 2011 sono state uccise due donne
2. Perché solo nel 2013 Il Centro DonnAttiva ha preso in carico 28 casi, (che significa 28 DONNE!)
3. Perché nel 2013 128 donne in Italia, madri, mogli, fidanzate hanno perso la vita: sono state uccise tra le mura domestiche
4. Perché il centro DonnAttiva lavora dal 2010 per aiutare le donne che trovano il coraggio di chiedere aiuto
5. Perché “USCIRE DALLA VIOLENZA SI PUO’” e noi ci crediamo!
6. Perché se leggi la Convenzione di Istanbul del 2011 troverai queste parole: “La violenza contro le donne è una manifestazione dei rapporti di forza storicamente diseguali tra i sessi, che hanno portato al dominio sulle donne e alla discriminazione nei loro confronti da parte degli uomini ed impedito la loro piena emancipazione.”


7. Perché dati Istat del 2006 (ultima indagine sul fenomeno) dicono che in Italia 6 milioni 743 mila donne dai 16 ai 70 anni, hanno subito violenza fisica o sessuale nel corso della loro vita.

…questi ultimi tre motivi te li metto sul ridere, perché a me, a noi, piace vedere il bicchiere mezzo pieno:
8. Perché non serve saper ballare per il flash mob del One Billion Rising: basta alzarsi!
9. Perché verranno tutti..e tu non puoi mancare!
10. Perché non ti costa nulla, ma davvero nulla… e senza saperlo ci stai già aiutando!

Ti ho convinto? …ho capito, ci vediamo venerdì!

credits: video via VDAY Italia; testo Francesca Tammarazio

One Billion Rising – 14 febbraio 2014

11 Feb

Il Centro Antiviolenza DonnAttiva del Comune di Vasto

ha il piacere di invitarLa a partecipare alla

 

GIORNATA MONDIALE DI MOBILITAZIONE AL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE

V DAY 2014

Vasto – Venerdì 14 Febbraio 2014

a partire dalle ore 9.00 in poi

secondo il programma di seguito indicato.

Scarica il programma

 

RIVOLGIAMO UN PARTICOLARE INVITO A TUTTI I CITTADINI A PARTECIPARE ALLA

DANZA COLLETTIVA “ONE BILLION RISING

ore 11.30

IN PIAZZA DIOMEDE

VASTO

(Chiediamo la cortesia di diffondere l’invito. GRAZIE)

 

 

 

vday jpgLa violenza contro le donne ha proporzioni allarmanti e richiede un impegno continuo di istituzioni, associazioni e persone capaci di promuovere atti ed iniziative per affermare una cultura di rispetto dei diritti della persona e di diffusione di principi, idee e valori che accompagnino concretamente il “NO” alla violenza.

 

Il Centro DonnAttiva del Comune di Vasto lavora da alcuni anni sui temi della prevenzione e del contrasto alla violenza di genere e, in occasione dell’evento mondiale “ONE BILLION RISING” che si terrà in tutto il mondo VENERDI’ 14 Febbraio, organizza una serie di momenti di sensibilizzazione ai temi della prevenzione e del contrasto della violenza che si susseguiranno nel corso della giornata allo scopo di coinvolgere tutta la comunità locale nel dire fermamente  “NO” alla violenza.