Archive | May, 2014

Le Dimenticanze…un piccolo reminder di Serena Dandini

22 May

Si sa, a volte le cose sfuggono…molto spesso non per volere di qualcuno, non intenzionalmente, non perché non si ritengono importanti: semplicemente sfuggono.

Così questa volta, anche questa volta, a fare da vocina di sottofondo, a fare da reminder c’ha pensato nuovamente la Dandini, sì la stessa di Ferite a Morte e la stessa di cui abbiamo accennato in riferimento al Progetto Pares.

Non è polemica la sua, nè vuol esserlo il nostro scriverne, è solo un modo per riaccendere la luce laddove è tornato il buio, là dove non ci s’è fermati a parlare, a riflettere e a prender decisioni.

dimenticanze serena dandini

Con questo spirito abbiamo pensato di riproporre il suo post “Dimenticanze” tratto dal blog Il Pane & le Rose che la Dandini ha sul magazine online ( ..stessa rubrica sul cartaceo) IoDonna.it

A oggi le Pari Opportunità non sono state ancora assegnate né a un ministero, né in delega: manca un punto di riferimento per coordinare le strategie necessarie e anche quelle già in atto rischiano di perdersi per strada. E il Piano nazionale antiviolenza non è stato ancora rinnovato.

Ecco perché l’associazione D.i.Re ha scritto una lettera aperta al presidente del Consiglio chiede che sia rinnovato il Piano nazionale antiviolenza e che siano assegnati ai Centri antiviolenza e alle Case rifugio i fondi previsti della legge n. 119 del 2013.

Così come Serena Dandini e come, ancor prima di lei, l’Associazione D.I.R.E., anche noi aspettiamo fiduciosi tali modifiche, una risposta, un momenti di confronto per non lasciare che le dimenticanze, danneggino quanto di buono  e grande fatto da chi ogni giorno si adopera per accogliere, contrastare, ascoltare chi è in difficoltà.

Infine ti lasciamo un filo, che ti servirà per seguire le conversazioni online a riguardo ..e magari per sbrogliare la matassa: con #pianoNazionaleAntiviolenza crei interazione e scrivi anche tu un pezzo di “dimenticanze” affinché non ci se ne dimentichi.

piano nazionale antiviolenza

 

 

 

 

Advertisements

Calendario eventi 2014 DonnAttiva – Vasto

19 May

Ogni  mese un tema, ogni mese un evento ed ogni mese un momento per confrontarsi, riflettere e magari trovare risposte alle domande che abbiamo.

Ecco il perchè degli eventi mensili di Donnattiva!

Gli ultimi due li trovi qui:

Tema del Mese Aprile Da “Il mito di Demetra e Kore” all’anoressia

Tema del Mese Maggio  Le aspettative dei genitori – il figlio ideale – il tradimento necessario

Ecco, invece, il calendario per i mesi successivi: saremo con te fino a novembre! Clicca qui per scaricare il calendario

nb: gli eventi del 30 aprile e del 28 maggio sono stati invertiti.

Schermata 2014-05-16 alle 11.19.07

 

La sede rimarrà la stessa ogni mese, il Centro DonnAttiva in Via Anelli, 20 a Vasto (ovvero l’ex Istituto d’Arte)

Attraverso la pagina facebook ti terremo aggiornato! E se hai domande, scrivici pure: donna.attiva@comune.vasto.ch.it

T’aspettiamo!

 

DonnAttiva ed il Comune di Vasto ad un mese dal Convegno del Progetto PARES

19 May

Qualche settimana fa, ti parlavo del Progetto Pares e della partecipazione di DonnAttiva al convegno tenutosi a Scerne di Pineto.

banner pares

La notizia è che da quel momento non si è rimasti con le mani in mano: le attività di rilevazione del fenomeno della violenza di genere sui territori di Vasto e Pescara sono partite il 2 maggio : quest’azione mira a migliorare le procedure di integrazione di tutti i servizi di rete impegnati nel contrasto della violenza di genere.

Inoltre durante l’ultimo incontro della Rete Antiviolenza, è stato presentato il piano delle Attività della Rete che verrà portato avanti dal Comune di Vasto per l’annualità 2014.

Proprio durante quest’ultimo incontro, la Dott.ssa Roberta Pellegrino, ha presentato agli operatori sanitari le Linee guida per l’accoglienza e l’assistenza alle vittime di maltrattamenti, violenza domestica, violenza sessuale, stalking e abuso. Tali Linee guida sono state elaborate nell’ambito del progetto P.A.R.E.S. – Protezione Antiviolenza e Rilevazione in Emergenza Sanitaria, realizzato con il contributo del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e gestito dal Centro Studi Sociali sull’infanzia e l’adolescenza dell’Associazione Focolare “Maria Regina” Onlus in collaborazione con la USL di Pescara.

Le principali azioni di questo progetto, sono:

  • la formazione di 40 professionisti sanitari e non, operanti presso gli Ospedali abruzzesi per la prima assistenza sanitaria alle vittime di violenza, presso il 118, nelle associazioni di volontariato in emergenza e presso le Questure;formazione di 40 professionisti sanitari e non, operanti presso gli Ospedali abruzzesi per la prima assistenza sanitaria alle vittime di violenza, presso il 118, nelle associazioni di volontariato in emergenza e presso le Questure;
  • l’attivazione di specifiche procedure di intervento per l’assistenza alle vittime di violenza e stalking all’interno dei Pronto Soccorso con la stesura di Linee guida adottate in via sperimentale dall’Azienda USL di Pescara ed estensibili alle altre ASL abruzzesi.

pares abruzzo

L’intenzione è quella, dunque, di estendere l’esperienza pescarese, alla Rete Antiviolenza della Città del Vasto, coinvolgendo quindi, nel percorso di formazione e sperimentazione, operatori socio-sanitari facenti parte della Rete cittadina: Pronto Soccorso, Dipartimento di Salute mentale, Divisione di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Civile di Vasto, il Consultorio familiare, il SerT della ASL N.2 ed i Servizi sociali comunali. 

Lo scopo della formazione degli operatori sanitari sulle Linee guida è garantire a chi ha subito violenza, maltrattamenti e abusi il diritto di trovare immediato soccorso in un luogo dove operatrici/operatori sanitari competenti sappiano garantire capacità di ascolto, di accoglienza e comprensione.

Tema del Mese: Le aspettative dei genitori-il figlio ideale- il tradimento necessario

13 May

Parabola del Figlio che non volle essere amato


I vostri figli non sono i vostri figli
Sono i figlie e le figlie della fame che in se stessa ha la vita
Essi non vengono da voi, ma attraverso di voi
E non vi appartengono benché viviate insieme
Potete amarli ma non costringerli ai vostri pensieri
Potete custodire i loro corpi, ma non le anime loro
Poiché abitano case future, che neppure in sogno potrete visitare.

– K.G. Gibran –

 

Abbiamo scelto le parole di Gibran per spiegare come, molto spesso, la figura genitoriale non riesce a scindere le proprie speranze ed aspettative, da quelle dei proprio figli. Ci si dimentica spesso, che imponendo i nostri bisogni di genitore, non lasciamo che i nostri figli siano se’ stessi.

Ecco che il tradimento da parte di un figlio diventa quindi l’unico modo per riuscire a sviluppare il suo stile ed i suoi progetti di vita.

L’appuntamento per questo mese sarà il 28 maggio alle 16.00 presso il Centro DonnAttiva. Ecco qui il link dell’evento sulla nostra pagina facebook.

28 maggio

 

a cura di Francesca Tammarazio

immagine locandina: @virgola_

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Regina José Galindo: la mostra contro la violenza sulle donne

7 May

Estoy Viva…significa sono viva ed è il grido di protesta dell’artista guatemalteca, Leone d’Oro alla 51° Biennale di Venezia come miglior giovane artista.

In occasione dell’opening, il 24 marzo su invito, l’artista guatemalteca ha realizzato Exalatión (Estoy viva), una performance inedita pensata per il PAC e per Milano. Un’azione intensa e poetica, un gesto di sospensione e di scambio simbolico tra artista e pubblico, metafora del legame, sempre presente nel lavoro di Galindo, tra arte, vita e morte.

La ricerca dell’artista sulla violenza, la privazione dei diritti e della libertà individuale è universale e incontra storie di ogni continente e realtà. Per questo tutti i visitatori potranno sostenere attraverso la mostra l’attività di Amnesty International scegliendo all’ingresso il biglietto donazione.

GALINDO

 

 

cover-pagina-sito

Il PAC di Milano ospiterà la mostra fino all’ 8 Giugno. Estoy viva” è articolata in cinque sezioni, intese come categorie permeabili ed interdipendenti tra loro: Politica, Donna, Violenza, Organico e Morte. Cinque macro emergenze tematiche che aprono un “dibattito” su  violenza, privazione dei diritti e alla libertà individuale, temi di interesse universali sia per uomini che per donne.

Il PAC è facilmente raggiungibile:

M1 Palestro o M3 Turati

info: PAC Milano

 

content: Francesca Tammarazio

photo credits : Pac Milano