Archive | November, 2014

Specchi, riflessi e riflessioni per il 25 novembre

20 Nov

Ad un anno ed oltre dal primo post, ad un anno ed oltre da ” I passi Interrotti” siamo qui: un altro 25 novembre, un altro no alla violenza di genere ed un altro modo, il nostro, per parlare attraverso eventi, arti e momenti di condivisione.

specchi fronte

Questa volta non saranno passi ma specchi e da quest’ultimi passeremo attraverso storie, voci, melodie, riflessi e riflessioni: un reading musicale liberamente tratto da

“¡Viva la vida!” di Pino Cacucci
“Lo specchio di Artemisia” di Daniela Piegai
“Camille” di Raffaella Zaccagna
“Tre divagazioni su storie di donne” di Raffaella Zaccagna
 Con:
– Raffaella Zaccagna_Voce recitante
– Paola Ciuffetti_Voce recitante
– Luca Raimondi_Sax
– Loris Baccalà_Hang e percussioni
– Nicola Sammartino e Photorama Cupello_fotografia
– Patrizia Rosica_Contributo scenografico

MARTEDI’ 25 Novembre 2014 -ore 21 – Centro DonnAttiva del Comune di Vasto – via Anelli, n.20 – Vasto

Sensibilizzare è la giusta parola, non smettere di parlarne!

“La violenza contro le donne ha proporzioni allarmanti e richiede un impegno continuo di enti, associazioni e persone capaci di farsi promotori/trici di atti ed iniziative per affermare una cultura di rispetto dei diritti e della persona e di diffusione di principi, idee e valori che accompagnino concretamente il “NO” alla violenza” spiega la Responsabile del Centro, la Dott.ssa Zulli.
“Il Centro DonnAttiva lavora da alcuni anni sul tema del contrasto alla violenza di genere e l’evento “SPECCHI” vuole essere un momento di riflessione e di sensibilizzazione per coinvolgere tutta la comunità locale nel dire fermamente “NO” alla violenza proprio in occasione del 25 NOVEMBRE “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”.

…Insomma questo è un invito a chiare lettere a PARTECIPARE e FAR PARTECIPARE!

Qui trovi l’evento su facebook

specchi programma immagine

testo Francesca Tammarazio

Advertisements

Tema del mese “Il dolore é utile?”

4 Nov

Siamo arrivati all’ultimo incontro di questo nostro 2014!

Se ci guardiamo indietro, se lo fate anche voi che avete preso parte ai nostri incontri, il tema del mese ha adesso la forma di un percorso, più che di un incontro mensile. Si spoglia delle vesti di incontro saltuario dando colore e senso a quanto è stato proposto, detto, letto e proiettato.

Ecco dunque il come, quando,  dove e perché, per questo tema del mese:

  • quando 26 novembre ore 17.00
  • dove presso il Centro DonnAttiva in via Anelli, 20 – Vasto
  • perchè

Nella nostra società assistiamo continuamente a scene di violenza, in televisione si parla spesso di depressione e disturbi vari, tutti cercano il farmaco che guarisca dalla sofferenza. I bambini crescono immersi in film e cartoni animati pieni di sparatorie e omicidi … poi magari accade che in famiglia esplode una malattia o muore una persona cara e in quel caso i bambini vengono allontanati dalla visione di un malato o dalla partecipazione ad un funerale. Impera il giovanilismo e l’efficienza, non c’è tempo per avere a che fare con la morte, con la sofferenza, con sé stessi. Se si è subita una delusione o un dispiacere non si può stare male.

Il dolore, invece, non dovrebbe essere rifiutato, ma introiettato: esso è un’espressione del sé, in psicoterapia è una chiave di accesso ai bisogni della persona, traduce il desiderio di cambiamento. È il grido più autentico del proprio sé.

Erasmo da Rotterdam nell’ “Elogio della follia” ci svela che i veri folli sono quelli che vivono per l’apparenza, per il successo, per l’esteriorità.

intervento a cura della Dott.ssa Margherita Barone – psicologa e psicoterapeuta

virgola_

credits @virgola_