Tag Archives: 10 motivi per

10 motivi per partecipare al One Billion Rising

12 Feb

Riflessioni, liste e …buoni motivi!

one billion rising VASTOQuesta mattina mi son messa nei panni di chi riceve un invito al One Billion Rising…e mi son chiesta: “Perché una persona dovrebbe accettare, raggiungerci in piazza?” Ho messo giù qualche buona ragione, qualche motivo che, a mio parere, ti farà indossare il tuo giacchino (rosso!) e ti farà venire  in Piazza Diomede il 14 febbraio alle 11.30 per guardare, partecipare silenziosamente e non, anche soltanto con la tua presenza, vi farà dire “Io c’ero!”. Ecco qui la mia bullet list per il TUO One Billion Rising:

1. Perché a Vasto nel 2011 sono state uccise due donne
2. Perché solo nel 2013 Il Centro DonnAttiva ha preso in carico 28 casi, (che significa 28 DONNE!)
3. Perché nel 2013 128 donne in Italia, madri, mogli, fidanzate hanno perso la vita: sono state uccise tra le mura domestiche
4. Perché il centro DonnAttiva lavora dal 2010 per aiutare le donne che trovano il coraggio di chiedere aiuto
5. Perché “USCIRE DALLA VIOLENZA SI PUO’” e noi ci crediamo!
6. Perché se leggi la Convenzione di Istanbul del 2011 troverai queste parole: “La violenza contro le donne è una manifestazione dei rapporti di forza storicamente diseguali tra i sessi, che hanno portato al dominio sulle donne e alla discriminazione nei loro confronti da parte degli uomini ed impedito la loro piena emancipazione.”


7. Perché dati Istat del 2006 (ultima indagine sul fenomeno) dicono che in Italia 6 milioni 743 mila donne dai 16 ai 70 anni, hanno subito violenza fisica o sessuale nel corso della loro vita.

…questi ultimi tre motivi te li metto sul ridere, perché a me, a noi, piace vedere il bicchiere mezzo pieno:
8. Perché non serve saper ballare per il flash mob del One Billion Rising: basta alzarsi!
9. Perché verranno tutti..e tu non puoi mancare!
10. Perché non ti costa nulla, ma davvero nulla… e senza saperlo ci stai già aiutando!

Ti ho convinto? …ho capito, ci vediamo venerdì!

credits: video via VDAY Italia; testo Francesca Tammarazio