Tag Archives: Centro DonnAttiva

Tema del mese: DA “IL MITO DI DEMETRA E KORE” ALL’ANORESSIA

30 Apr

Il mito di Demetra e Kore

È sempre stato oggetto di numerose interpretazioni, nel racconto si celano complesse e molteplici chiavi di lettura, che rimandano volta in volta, ad aree sempre più nascoste ma determinanti per la comprensione del mito.

L’intreccio narrativo si fonda sull’inganno, sul ricatto, sulla separazione sperimentata come perdita inspiegabile, sulla dicotomia vita/morte  e maschile/femminile.

Ma il tema centrale del mito. È la potenza materna inscritta nell’intera natura,  potenza non solo di generare ma anche di non generare, ossia potenza assoluta che custodisce il luogo umano del venire al mondo, ma anche il nulla come il non più della nascita, la fine del continuum materno e simbolicamente della vita stessa.

 

Credits: Due in una. Dal legame Madre e figlia alla relazione  terapeutica donna-donna  di Anna Cotugno

 

cNe parleremo oggi 30 aprile dalle 16.00 alle 18.00 presso il Centro DonnAttiva, in Via Anelli, 2 a Vasto

per informazioni

0873 366152

 

photo credits: @virgola_

Advertisements

One Billion Rising: hai danzato con noi?

18 Feb

Ricordi il nostro invito a danzare?

Eravamo tantissimi e forse c’eri anche tu! C’eri?

Ti racconto in breve come si è svolta la giornata …solo per fartela rivivere!!

Seminario : I giovani contro la violenza. Percorsi e pratiche di contrasto nella città di Vasto”

E’ stato un momento di raccordo, un momento di racconto e condivisione.  Il centro DonnAttiva quest’anno ha avviato attività di sensibilizzazione al contrasto della violenza nell’ambito del progetto “Oltre l’uscio” L.31/2006. I protagonisti di queste attività sono i ragazzi di alcune classi degli Istituti Superiori di Vasto ” Mattei”, “Palizzi”, “Pantini – Pudente” e “Mattioli”.

Gli studenti hanno avuto la parola, hanno detto la loro ed hanno finalmente potuto mostrare quanto di bello hanno creato: 4 video che interpretano quello che è amore e quel che amore non è! Inoltre la classe del corso “Arti Visive” ha esposto degli scatti legati al tema violenza di genere / femminicidio.

Flash Mob “One Billion Rising”

E’ la combinazione di diversi fattori che rende una qualsiasi cosa perfetta, come te l’eri immaginata, rende il pensiero visibile a tutti, trasla ciò che avevi immaginato nella tua testa, direttamente davanti ai tuoi occhi.

Così, proprio come avevamo sperato, Piazza Diomede si è pian piano popolata, di volti, di colori di voci…la musica si è alzata e la danza ha preso forma. Per la serie “Un’immagine vale di più di mille parole”…ecco il video del nostro flash mob.

V DAY from Photorama on Vimeo.

Donne Violate: lo sguardo dell’arte

La storica dell’arte Bianca Campli, ha ripercorso il tema della violenza di genere attraverso un’indagine iconografica

Lo sguardo dei Giovani

La cattedrale di San Giuseppe è diventata per una sera, schermo per la proiezione dei corti realizzati dagli studenti. Dialoghi, musiche, volti e pensieri di adolescenti che hanno elaborato i termini della violenza di genere, della violenza domestica ed hanno impresso ben chiaro nelle loro menti cosa è amore e cosa non lo è.

La nostra cornice? Vasto, il centro storico e le sue vetrine: ovunque scarpe rosse, le stesse che l’anno scorso avevano segnato il percorso da Piazza Rossetti a Via Anelli, la nostra sede…7

Ora sai dove siamo, sai come trovarci e come coinvolgerci: sai che cosa sappiamo fare e come amiamo farlo! Le nostre iniziative continueranno, il nostro percorso di sensibilizzazione passerà attraverso arte, reading, eventi all’aperto e molto altro… Intanto facci sapere se il nostro One Billion Rising è stato come quello che avresti voluto anche tu!

Credits:

photos Photorama

content: Francesca Tammarazio

Newsletter 02/2013 DonnAttiva

22 Oct

Anche per questo trimestre, divulghiamo la nostra newsletter con eventi, corsi, concorsi e appuntamenti importanti sul territorio Abruzzo.

Cliccate qui per scaricare l’allegato

Locandina newsletter 02/2013

Migrazioni per tenere i contatti: facebook

21 Oct

casa

Da qualche giorno abbiamo aperto una pagina facebook. La utilizzeremo per tenerci in contatto, per raccontare e sensibilizzare: una porta alla quale bussare, una finestra alla quale affacciarsi, una “casa” nella quale trovare conforto e parole di fiducia.

Useremo comunque il profilo utente che è stato finora il mezzo grazie al quale ci siamo proposti, raccontati e che è stato l’anello per grandi collaborazioni e creazioni di eventi di sensibilizzazione, ma prediligeremo che sarà linkata anche a questo nostro nuovo spazio, il blog.

A presto!