Tag Archives: one billion rising
Video

One Billion Rising 2015 – Violet

8 Apr

Se hai trascorso la mattinata con noi, di certo non avrai dimenticato quei momenti: la sensazione di far squadra, di unione, di fare una cosa dovuta; e poi i sorrisi, la musica…

Se invece per qualche motivo non sei riuscito a raggiungerci e vuoi sentirti parte, anche tu, di tutto ciò che le parole “One Billion Rising” riescono a racchiudere, ti lasciamo questo video: pochi istanti che raccontano il perchè ma soprattutto come abbiamo scelto di dire no alla violenza di genere.

 

VIOLET One Billion Rising 2015 from Photorama on Vimeo.

Advertisements

One Billion Rising: a Vasto per il terzo anno

25 Feb

Se parlassimo di numeri sarebbe una noia…ma è necessario;  dunque lo facciamo così, brevemente, senza troppi dati, senza cadere nel limbo di statistiche e infografiche:

  • Il terzo anno consecutivo, un crescendo che riempie solo il cuore: insomma eravamo tanti, sempre di più;
  • Scuole coinvolte sia nell’ambito di formazione e sensibilizzazione che con vere e proprie call to action: lasciare spazio alle parole e alla creatività degli adolescenti è stato un premio per noi tutti, un gratificazione non descrivibile se non con le parole “gioia pura”.
  • La musica è stata protagonista indiscussa: a partire da Break the Chain, per poi passare allo spettacolo dei percussionisti dell’Associazione Dum Tek di San Salvo ed infine, per chiudere in bellezza, la partecipazione artistica di un gruppo di giovani ospiti del Centro Rifugiati di Palmoli..

Il messaggio è chiaro dunque: l’unione è stato il fil rouge di questa giornata dai nastri e dalle scarpe rosse.

DSC_3763

I colori li abbiamo aggiunti noi, loro, tutti. L’impresa è stata quella di far passare la positività, mentre stavamo in realtà comunicando il dramma legato alla violenza di genere.

Non è semplice, credeteci: è come far vedere il bianco su un foglio nero. Una vera impresa, quasi una sfida.

No alle autocelebrazioni, a noi son bastati i sorrisi e la partecipazione…e ce ne son stati tanti!

Per cui se dovessimo dire GRAZIE, un grazie generale, lo faremmo rivolgendoci a chi è riuscito a raccontare questo fenomeno in maniera pacata, educativa, forte ma senza scioccare..insomma, dal nero al bianco.

DSC_3902

Se invece volessimo parlare ad ognuno di voi, lo faremmo così, nome per nome (o quasi):

grazie agli studenti delle classi III E del Liceo Scientifico Statale “R. Mattioli” coordinati dalla prof.ssa Antonietta Moretti,  III A CAT dell’Istituto Tecnico Statale Economico Tecnologico “F. Palizzi” coordinati dalle prof.sse Amalia Medoro e Onorina Longhi ;  I B Liceo Classico del Polo liceale “Pantini – Pudente” coordinati dalla prof.ssa Daniela Fanelli, III A Liceo Economico-Sociale del Polo liceale “Pantini – Pudente” coordinati dalle prof.sse Antonia Iacovelli, Ersilia Casolino ed Emma Petrocelli ,  III ACH Chimica e Materiali dell’Istituto d’Istruzione Superiore “E. Mattei” coordinata dalla prof.sse Orsolina Colonna, Vincenzia Suriani che hanno lavorato in collaborazione con il fumettista Franco Sacchetti del Progetto Giovani di Vasto.

grazie agli studenti che hanno partecipato al Flash Mob ed in particolare le organizzatrici del Break the Chain: le insegnanti di educazione fisica Ornella censi e Orsolina Colonna e le studentesse D. Napolitano, E. Barone, M. Mancini, L. De Filippis dell’I.I.S. “ Mattei”;

DSC_3962

grazie ai giovani musicisti e le giovani musiciste dell’Associazione “Orchestra Giovanile Musica in …Crescendo” che hanno curato la performance “Energie in Moto per il Cambiamento” e le loro coordinatrici M. Aurelia Del Casale e M. Teresa Antonini. In particolare si ringraziano: Natan Ladisa, Mattia Perrina, Marta Fortunato, Pietro Fortunato, Matteo Colameo, Lorenzo De Cinque, Lorenzo Cinquina,  Paolo Maria De Luca, Sara De Filippis, Andrea De Filippis, Marika Murgioni, Valeria Ciavatta;

grazie ai musicisti del Centro profughi del Comune di Palmoli coordinati dall’educatrice Valentina, per aver realizzato lo spettacolo musicale a sostegno dell’OBR con suoni, colori, danze di altre nazionalità: Mali, Bangladesh, Gambia; grazie anche alla Caritas di Vasto per aver offerto loro il pranzo.

DSC_4079

A cosa stiamo pensando ora?! Al prossimo One Billion Rising (…oltre che al tanto lavoro che c’è ancora da fare!)

Video

One Billion Rising 2014 – Video

3 Jun

V DAY from Photorama on Vimeo.

One Billion Rising: hai danzato con noi?

18 Feb

Ricordi il nostro invito a danzare?

Eravamo tantissimi e forse c’eri anche tu! C’eri?

Ti racconto in breve come si è svolta la giornata …solo per fartela rivivere!!

Seminario : I giovani contro la violenza. Percorsi e pratiche di contrasto nella città di Vasto”

E’ stato un momento di raccordo, un momento di racconto e condivisione.  Il centro DonnAttiva quest’anno ha avviato attività di sensibilizzazione al contrasto della violenza nell’ambito del progetto “Oltre l’uscio” L.31/2006. I protagonisti di queste attività sono i ragazzi di alcune classi degli Istituti Superiori di Vasto ” Mattei”, “Palizzi”, “Pantini – Pudente” e “Mattioli”.

Gli studenti hanno avuto la parola, hanno detto la loro ed hanno finalmente potuto mostrare quanto di bello hanno creato: 4 video che interpretano quello che è amore e quel che amore non è! Inoltre la classe del corso “Arti Visive” ha esposto degli scatti legati al tema violenza di genere / femminicidio.

Flash Mob “One Billion Rising”

E’ la combinazione di diversi fattori che rende una qualsiasi cosa perfetta, come te l’eri immaginata, rende il pensiero visibile a tutti, trasla ciò che avevi immaginato nella tua testa, direttamente davanti ai tuoi occhi.

Così, proprio come avevamo sperato, Piazza Diomede si è pian piano popolata, di volti, di colori di voci…la musica si è alzata e la danza ha preso forma. Per la serie “Un’immagine vale di più di mille parole”…ecco il video del nostro flash mob.

V DAY from Photorama on Vimeo.

Donne Violate: lo sguardo dell’arte

La storica dell’arte Bianca Campli, ha ripercorso il tema della violenza di genere attraverso un’indagine iconografica

Lo sguardo dei Giovani

La cattedrale di San Giuseppe è diventata per una sera, schermo per la proiezione dei corti realizzati dagli studenti. Dialoghi, musiche, volti e pensieri di adolescenti che hanno elaborato i termini della violenza di genere, della violenza domestica ed hanno impresso ben chiaro nelle loro menti cosa è amore e cosa non lo è.

La nostra cornice? Vasto, il centro storico e le sue vetrine: ovunque scarpe rosse, le stesse che l’anno scorso avevano segnato il percorso da Piazza Rossetti a Via Anelli, la nostra sede…7

Ora sai dove siamo, sai come trovarci e come coinvolgerci: sai che cosa sappiamo fare e come amiamo farlo! Le nostre iniziative continueranno, il nostro percorso di sensibilizzazione passerà attraverso arte, reading, eventi all’aperto e molto altro… Intanto facci sapere se il nostro One Billion Rising è stato come quello che avresti voluto anche tu!

Credits:

photos Photorama

content: Francesca Tammarazio

10 motivi per partecipare al One Billion Rising

12 Feb

Riflessioni, liste e …buoni motivi!

one billion rising VASTOQuesta mattina mi son messa nei panni di chi riceve un invito al One Billion Rising…e mi son chiesta: “Perché una persona dovrebbe accettare, raggiungerci in piazza?” Ho messo giù qualche buona ragione, qualche motivo che, a mio parere, ti farà indossare il tuo giacchino (rosso!) e ti farà venire  in Piazza Diomede il 14 febbraio alle 11.30 per guardare, partecipare silenziosamente e non, anche soltanto con la tua presenza, vi farà dire “Io c’ero!”. Ecco qui la mia bullet list per il TUO One Billion Rising:

1. Perché a Vasto nel 2011 sono state uccise due donne
2. Perché solo nel 2013 Il Centro DonnAttiva ha preso in carico 28 casi, (che significa 28 DONNE!)
3. Perché nel 2013 128 donne in Italia, madri, mogli, fidanzate hanno perso la vita: sono state uccise tra le mura domestiche
4. Perché il centro DonnAttiva lavora dal 2010 per aiutare le donne che trovano il coraggio di chiedere aiuto
5. Perché “USCIRE DALLA VIOLENZA SI PUO’” e noi ci crediamo!
6. Perché se leggi la Convenzione di Istanbul del 2011 troverai queste parole: “La violenza contro le donne è una manifestazione dei rapporti di forza storicamente diseguali tra i sessi, che hanno portato al dominio sulle donne e alla discriminazione nei loro confronti da parte degli uomini ed impedito la loro piena emancipazione.”


7. Perché dati Istat del 2006 (ultima indagine sul fenomeno) dicono che in Italia 6 milioni 743 mila donne dai 16 ai 70 anni, hanno subito violenza fisica o sessuale nel corso della loro vita.

…questi ultimi tre motivi te li metto sul ridere, perché a me, a noi, piace vedere il bicchiere mezzo pieno:
8. Perché non serve saper ballare per il flash mob del One Billion Rising: basta alzarsi!
9. Perché verranno tutti..e tu non puoi mancare!
10. Perché non ti costa nulla, ma davvero nulla… e senza saperlo ci stai già aiutando!

Ti ho convinto? …ho capito, ci vediamo venerdì!

credits: video via VDAY Italia; testo Francesca Tammarazio

One Billion Rising – 14 febbraio 2014

11 Feb

Il Centro Antiviolenza DonnAttiva del Comune di Vasto

ha il piacere di invitarLa a partecipare alla

 

GIORNATA MONDIALE DI MOBILITAZIONE AL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE

V DAY 2014

Vasto – Venerdì 14 Febbraio 2014

a partire dalle ore 9.00 in poi

secondo il programma di seguito indicato.

Scarica il programma

 

RIVOLGIAMO UN PARTICOLARE INVITO A TUTTI I CITTADINI A PARTECIPARE ALLA

DANZA COLLETTIVA “ONE BILLION RISING

ore 11.30

IN PIAZZA DIOMEDE

VASTO

(Chiediamo la cortesia di diffondere l’invito. GRAZIE)

 

 

 

vday jpgLa violenza contro le donne ha proporzioni allarmanti e richiede un impegno continuo di istituzioni, associazioni e persone capaci di promuovere atti ed iniziative per affermare una cultura di rispetto dei diritti della persona e di diffusione di principi, idee e valori che accompagnino concretamente il “NO” alla violenza.

 

Il Centro DonnAttiva del Comune di Vasto lavora da alcuni anni sui temi della prevenzione e del contrasto alla violenza di genere e, in occasione dell’evento mondiale “ONE BILLION RISING” che si terrà in tutto il mondo VENERDI’ 14 Febbraio, organizza una serie di momenti di sensibilizzazione ai temi della prevenzione e del contrasto della violenza che si susseguiranno nel corso della giornata allo scopo di coinvolgere tutta la comunità locale nel dire fermamente  “NO” alla violenza.