Tag Archives: tema del mese

Tema del mese: Solitudine malata, Solitudine sana e Solitudine a due

23 Mar

Un nuovo appuntamento ed una tematica di cui spesso si parla: la Solitudine, la ricerca di essa, lo scacciar via i momenti in cui ci si sente soli e la solitudine fatta  di silenzi.

“Ognuno sta solo nel cuor della terra

trafitto da un raggio di sole:

ed è subito sera”

S. Quasimodo

La solitudine è un tema molto trattato perchè legato all’esistere, all’essere unici e finiti.

Winnicott in “La ca pacità di essere solo” sostiene che è indispensabile accettare la solitudine perchè è funzionale alla crescita, così che la capacità di stare da soli è segno di maturità ed autonomia psicologica. In rapporto alla coppia è spesso il contenitore illusorio di una solitudine malata.

 

Allontanarsi dal frastuono è il presupposto per imparare a scegliere una solitudine buona e creativa, rivolgendo lo sguardo all’interno per conoscersi, capirsi e rivitalizzarsi.

 

Vi aspettiamo il 25 marzo alle ore 17.00  presso il Centro DonnAttiva – Via Anelli, 20 a Vasto, per approfondire questo argomento.

 

Advertisements

Tema del mese: La fatica di ogni cambiamento

27 Jan

La vita è caratterizzata dai cambiamenti.

IMG_20141030_083412

Che siano piacevoli o dolorosi e difficili caratterizzano la nostra esistenza.

Alcune età sembrano condensare queste difficoltà, l’adolescenza ne è un esempio.

Un bambino che entra alla scuola materna, può ad esempio ammalarsi facilmente per tradurre il suo disagio.

Aiutarlo a vivere bene questo passaggio fondamentale.

Affinché ciò avvenga, è necessario che la separazione, specie a quest’età, non risulti impossibile.

 

Ne parleremo domani alle ore 17.00 presso il Centro DonnAttiva, in via Anelli 20 a Vasto.

 

 

 

Tema del mese “Il dolore é utile?”

4 Nov

Siamo arrivati all’ultimo incontro di questo nostro 2014!

Se ci guardiamo indietro, se lo fate anche voi che avete preso parte ai nostri incontri, il tema del mese ha adesso la forma di un percorso, più che di un incontro mensile. Si spoglia delle vesti di incontro saltuario dando colore e senso a quanto è stato proposto, detto, letto e proiettato.

Ecco dunque il come, quando,  dove e perché, per questo tema del mese:

  • quando 26 novembre ore 17.00
  • dove presso il Centro DonnAttiva in via Anelli, 20 – Vasto
  • perchè

Nella nostra società assistiamo continuamente a scene di violenza, in televisione si parla spesso di depressione e disturbi vari, tutti cercano il farmaco che guarisca dalla sofferenza. I bambini crescono immersi in film e cartoni animati pieni di sparatorie e omicidi … poi magari accade che in famiglia esplode una malattia o muore una persona cara e in quel caso i bambini vengono allontanati dalla visione di un malato o dalla partecipazione ad un funerale. Impera il giovanilismo e l’efficienza, non c’è tempo per avere a che fare con la morte, con la sofferenza, con sé stessi. Se si è subita una delusione o un dispiacere non si può stare male.

Il dolore, invece, non dovrebbe essere rifiutato, ma introiettato: esso è un’espressione del sé, in psicoterapia è una chiave di accesso ai bisogni della persona, traduce il desiderio di cambiamento. È il grido più autentico del proprio sé.

Erasmo da Rotterdam nell’ “Elogio della follia” ci svela che i veri folli sono quelli che vivono per l’apparenza, per il successo, per l’esteriorità.

intervento a cura della Dott.ssa Margherita Barone – psicologa e psicoterapeuta

virgola_

credits @virgola_

Tema del Mese: “Essere padre. Riflessione sulle regole”

13 Oct

Il penultimo dei nostri incontri: ecco per il mese di Ottobre, dopo aver parlato di rapporti tra madri e figli, diamo spazio ai padri.

L’appuntamento è per il 29 ottobre alle ore 17.00 presso il Centro DonnAttiva, via Anelli 20 – VASTO (CH)

“Sempre più sentiamo parlare di genitori che non riescono a tenere a bada i propri figli.

Il problema è dei bambini o dei genitori? Quale può essere il ruolo dei padri all’interno della famiglia? Sicuramente non solo quello normativo che prenderà forma negli anni. Fin dall’inizio, il padre può essere il portavoce di un nuovo equilibrio della famiglia; può favorire lo scioglimento di quel fondamentale legame simbiotico madre/figlio che non deve cristallizzarsi diventando una gabbia difensiva, funzione molto lontana dal principio di un sano sviluppo del neonato.

Oltre al ruolo protettivo del padre va sottolineata l’importanza del ruolo normativo e contenitivo: il porre dei limiti è funzionale all’esigenza di incalanare le molteplici e fisiologiche energie del bambino, senza che questo inneschi meccanismi di colpevolizzazione in nessuno dei due genitori.
Essere padri è sempre una novità e come tale coglie impreparati coloro che si apprestano a fare questa esperienza. L’unico modello è quello dell’infanzia, quello del proprio padre, modello che spesso viene adottato senza riflettere, anche se contestato.
Sei un padre autoritario, autorevole, autoreferente o anaffettivo?

L’intento è di riflettere insieme, senza voler troppo schematizzare sugli stili educativi che ci caratterizzano.”

a cura della Psicologa e Psicoterapeuta Dott.ssa Margherita Barone

@virgola_

@virgola_

Tema del mese: “Protezione-rispetto-ascolto”; quello che i figli non chiedono, ma desiderano!”

15 Sep

Ritornano gli appuntamenti mensili con i Centro DonnAttiva.

Dopo la pausa estiva, riprende il programma e si riparte con “Protezione-rispetto-ascolto”; quello che i figli non chiedono! (ma desiderano)”.

“Protezione”… come dosarla? Né troppo poca, né troppa!? Quando siamo in sintonia con le richieste esplicite dei nostri figli?

virgola_

photo credits @virgola_

Il bambino è un essere in trasformazione continua che richiede la nostra costante capacità di adattamento alle diverse esigenze, nonché attenzione e preoccupazione diversamente proporzionali all’età; è difficile cogliere le sfumature dei nostri atteggiamenti davvero educativi e non dettati da abitudini, da esperienze passate o da momenti di rabbia. La nostra formazione, come genitori è perenne!

Riflettere sul rispetto che pretendiamo ma che non sempre inconsapevolmente offriamo, può aiutarci a capire quanto solo l’ascolto di se stessi e la condivisione può aiutarci ad essere dei genitori “sufficientemente buoni “, come afferma Bettelheim.

L’incontro è fissato per i  24 settembre, ore 17.00 presso Il Centro DonnAttiva, Via Anelli 20- Vasto (CH)

a cura della Dott.ssa Margherita Barone, Psicologa e Psicoterapeuta

Tema del mese: Come dal mito di Apollo e Dafne si arriva a parlare di anoressia

14 Jul

Il nostro prossimo appuntamento sarà il 30 luglio; come di consueto avremo due ore, dalle 17.00 alle 19.00 presso il centro DonnAttiva , per parlare ed approfondire con momenti di riflessione, domande/risposte e letture per cercare di fare chiarezza su un argomento molto delicato: l’anoressia.

Ecco come affronteremo questo tema; qui un approfondimento della Dott.ssa Margherita Barone – Psicologa e Psicoterapeuta:

“Come dal mito di Apollo e Dafne si arriva a parlare di anoressia”

Sulla scia del mito greco di Apollo e Dafne, nasce una riflessione circa il disagio dell’anoressica ,che, assoggettando i desideri carnali, segue una via a suo modo più elevata.

Secondo Hillman, la patologizzazione è la capacità autonoma della psiche di dare voce ai discorsi dell’anima, pertanto fenomeni di dissociazione-distacco-scissione se da un lato possono essere letti come malattia, dall’altro, in una visione totale della psiche, possono essere intesi come una rivendicazione di un’individualità più profonda. L’obiettivo è quello di far dialogare le parti psichiche ed è quanto avviene in pscicoterapia.

Ciò è reso possibile anche attraverso i miti e l’interpretazione del linguaggio onirico che esprimono i concetti dei contenuti inconsci tramite figure personificate.

L’immagine di Dafne che fugge serve da spunto per parlare di un unico meccanismo interiore che mette in gioco le varie parti di sé: Apollo, la fuga, il panico, la madre Terra e la dimensione vegetativa vista come soluzione necessaria.

cuoridicarciofophoto credits: @cuordicarciofo

 

 

Tema del Mese: “L’Intelligenza emotiva”

10 Jun

Il 25 giugno ci incontreremo nuovamente, come promesso!

virgola

credits @virgola_

Il tema di questo mese é l’Intelligenza Emotiva

Fino a quarant’anni fa si pensava che l’intelligenza fosse una. Oggi si è scoperto che ce ne sono tante. Si parla di intelligenza plurima: logica, linguistica, emotiva (intra e interpersonale), spaziale, fisica, musicale, naturalistica e etica. Ciascuna di esse si è evoluta nel corso dello sviluppo umano per permettere agli individui di sopravvivere e riprodursi in uno specifico ambiente; in effetti è difficile definire chi sia davvero intelligente… tutto dipende dall’ambiente in cui le menti si esprimono.
Perché è importante l’intelligenza emotiva? Perché nella relazione con l’altro ci consente di capire intenzioni e desideri nostri e altrui e di conseguenza vivere e lavorare in modo più efficace.
Il riconoscimento di sé e delle proprie emozioni, permette la comprensione di chi ci circonda; l’empatia è fondamentale nelle relazioni, così come la gestione e la consapevolezza delle proprie emozioni agevola il superamento e l’elaborazione delle difficoltà e delle sconfitte della vita.
Un processo di alfabetizzazione emozionale massimizza il benessere emotivo.

Dott.ssa Margherita Barone – Psicologa e Psicoterapeuta del Centro DonnAttiva

Per non perdere gli altri appuntamenti mensili, dai uno sguardo al calendario generale

 

 

Calendario eventi 2014 DonnAttiva – Vasto

19 May

Ogni  mese un tema, ogni mese un evento ed ogni mese un momento per confrontarsi, riflettere e magari trovare risposte alle domande che abbiamo.

Ecco il perchè degli eventi mensili di Donnattiva!

Gli ultimi due li trovi qui:

Tema del Mese Aprile Da “Il mito di Demetra e Kore” all’anoressia

Tema del Mese Maggio  Le aspettative dei genitori – il figlio ideale – il tradimento necessario

Ecco, invece, il calendario per i mesi successivi: saremo con te fino a novembre! Clicca qui per scaricare il calendario

nb: gli eventi del 30 aprile e del 28 maggio sono stati invertiti.

Schermata 2014-05-16 alle 11.19.07

 

La sede rimarrà la stessa ogni mese, il Centro DonnAttiva in Via Anelli, 20 a Vasto (ovvero l’ex Istituto d’Arte)

Attraverso la pagina facebook ti terremo aggiornato! E se hai domande, scrivici pure: donna.attiva@comune.vasto.ch.it

T’aspettiamo!

 

Tema del Mese: Le aspettative dei genitori-il figlio ideale- il tradimento necessario

13 May

Parabola del Figlio che non volle essere amato


I vostri figli non sono i vostri figli
Sono i figlie e le figlie della fame che in se stessa ha la vita
Essi non vengono da voi, ma attraverso di voi
E non vi appartengono benché viviate insieme
Potete amarli ma non costringerli ai vostri pensieri
Potete custodire i loro corpi, ma non le anime loro
Poiché abitano case future, che neppure in sogno potrete visitare.

– K.G. Gibran –

 

Abbiamo scelto le parole di Gibran per spiegare come, molto spesso, la figura genitoriale non riesce a scindere le proprie speranze ed aspettative, da quelle dei proprio figli. Ci si dimentica spesso, che imponendo i nostri bisogni di genitore, non lasciamo che i nostri figli siano se’ stessi.

Ecco che il tradimento da parte di un figlio diventa quindi l’unico modo per riuscire a sviluppare il suo stile ed i suoi progetti di vita.

L’appuntamento per questo mese sarà il 28 maggio alle 16.00 presso il Centro DonnAttiva. Ecco qui il link dell’evento sulla nostra pagina facebook.

28 maggio

 

a cura di Francesca Tammarazio

immagine locandina: @virgola_

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tema del mese: DA “IL MITO DI DEMETRA E KORE” ALL’ANORESSIA

30 Apr

Il mito di Demetra e Kore

È sempre stato oggetto di numerose interpretazioni, nel racconto si celano complesse e molteplici chiavi di lettura, che rimandano volta in volta, ad aree sempre più nascoste ma determinanti per la comprensione del mito.

L’intreccio narrativo si fonda sull’inganno, sul ricatto, sulla separazione sperimentata come perdita inspiegabile, sulla dicotomia vita/morte  e maschile/femminile.

Ma il tema centrale del mito. È la potenza materna inscritta nell’intera natura,  potenza non solo di generare ma anche di non generare, ossia potenza assoluta che custodisce il luogo umano del venire al mondo, ma anche il nulla come il non più della nascita, la fine del continuum materno e simbolicamente della vita stessa.

 

Credits: Due in una. Dal legame Madre e figlia alla relazione  terapeutica donna-donna  di Anna Cotugno

 

cNe parleremo oggi 30 aprile dalle 16.00 alle 18.00 presso il Centro DonnAttiva, in Via Anelli, 2 a Vasto

per informazioni

0873 366152

 

photo credits: @virgola_